isola pedonale

Abano, troppo caldo “soffre” pure il liston Stanziati 25 mila euro

IL MATTINO DI PADOVA 2 agosto 2017
di Federico Franchin

Decisi lavori urgenti per la pavimentazione rialzata L’assessore Bano: «Va limitato il traffico dei mezzi pesanti»

ABANO TERME. Fa caldo e l’isola pedonale di Abano si sgretola e va in sofferenza. Il Comune ha deciso di provvedere con urgenza ad alcuni interventi di straordinaria manutenzione dei marciapiedi nell’isola pedonale realizzati con pietre naturali che per effetto delle elevate temperature di questi giorni si sono rialzati, creando dislivelli tali da arrecare pericolo per i passanti. L’amministrazione aponense ha impegnato la somma di quasi 25 mila euro per la sistemazione immediata, d’urgenza, del liston. Non era mai successo che le elevate temperature andassero ad arrecare un danno alla pavimentazione dell’isola pedonale di Abano. E la situazione nei prossimi giorni potrebbe essere anche destinata a peggiorare. «Certamente il caldo è un fattore che influenza le condizioni del liston», spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Gian Pietro Bano. «La pavimentazione con cui è stata realizzata l’isola pedonale può essere soggetta a questo tipo di situazioni».

Il gran caldo è stato per il liston, ovvero il salotto buono di Abano, il colpo di grazia. Le condizioni dell’isola pedonale infatti sono negli ultimi anni peggiorate a causa del continuo passaggio di auto e mezzi pesanti per il carico e scarico merci. «Certamente il transito dei mezzi pesanti ha la sua rilevanza», annota ancora Bano. «A tale proposito bisognerà studiare un piano per introdurre la Ztl, Zona a traffico limitato, in modo tale da limitare al massimo l’accesso dei mezzi a motore nel liston. Dato che non si può certamente pretendere che gli agenti della Municipale si piazzino in pianta stabile nell’isola pedonale, bisognerà studiare l’introduzione di alcune telecamere di controllo».

L’isola pedonale ha quindi bisogno di un restyling. «Quanto successo a causa del caldo ci consente ancora una volta di capire come il liston abbia bisogno di una costante manutenzione, venuta meno negli ultimi anni», rileva Bano. «Ciclicamente bisognerà effettuare degli interventi per sistemare le zone dove si verificano innalzamenti o crepe, che possono recare danno ai passanti e ai nostri turisti. Già limitando il passaggio dei mezzi pesanti si riducono i rischi».