PROVERBI VENETI

proverbiPROVERBI VENETI

A cura di Aldo Francisci

Chi che bastona el so cavalo bastona la so scarsela.

Chi che ga na vacheta ga na botegheta.

Chi che ga solo on porzelo lo ga belo, chi ga solo on tosato lo ga mato.

Chi che ghe fà la barba al musso perde l’aqua e anca el saon.

Chi che zerca cavalo e fémena senza difeto, no’l gavarà mai cavalo in stala e

fémena in leto.

Chi leze el cartelo no magna vedèlo.

Chi piègora se fà el lupo se lo magna.

Chi sparagna el gato magna.

Chi vol stare san pissa spesso come on can.

Co la caveza se liga i cavai, co la parola i òmani.

Co’ canta el ciò xe finio de far filò.

Co’ canta el galo sola rosà, core l’aqua par la carezà.

Co’ canta le zigàle de Setenbre no conprare gran.

Co’ la vaca tien su el muso, bruto tenpo salta suso.

CUCINA PADOVANA: Figà’ in tortiera

 

Figà in tortiera

Ingredienti:  • Fegato • Farina • Uovo • Pane grattugiato • Burro • Zucchero CUCINA PADOVANA• Limone o aceto • Sale

Il fegato viene tagliato a fettine sottili grandi come la mano di un bambino di cinque anni; le fette vengono passate al

fior di farina, all’uovo battuto con poco sale e poi al pane grattugiato • si friggono in solo burro da tutte e due le parti

in una tortiera di rame stagnato • Cospargerle poi di zucchero e irrorarle con succo di limone o con aceto aromatico • Incoperchiare per qualche minuto • Servire caldo

PROVERBI VENETI

PROVERBI VENETI

PROVERBIA cura di Aldo Francisci

El bon vin se trova dal paroco.

Fin che ghe xe pan in convento, frati no manca.

I preti fà bòjare la pignata co le fiame del purgatorio.

I siuri more de fame, i poariti de indigestion, i frati de caldo e i preti de fredo.

L’amigo del prete perde la relijon, l’amigo del dotore perde la salute,

l’amigo del’avocato perde la causa.

Morto on papa se ne fà ‘nantro.

Odio de preti, vendeta de frati e rogna de ebrei, miserere mei.

Par on frate scontento no se sara el convento.

Prete in capela, novità bela.

Prete, dotore e comare, no te ne ingatejare.

Quando canbia on prete, tra fare e desfare l’è tuto on laorare.

Sa pì el papa e on contadin che el papa da elo solo.

Sa volì védare el diluvio universale, metì dodese preti a tola a magnare.

Sbaglia anca el prete a dir messa.

Vàrdate da prete, contadin, da comare, vizin e da aqua par confin.

 

CUCINA VENETA

Risotto de polastro alla padovana coi funghi

Ingredienti: 1 pollo – Midolla di bue – Sedano – 600 g di riso – 200 g di funghi trifolati – Parmigiano – 50 g tra olio e burro – Cipolla – Carota – 1 bicchiere di vino bianco – 1 l di brodo o poco piùCUCINA PADOVA 129

Si disossa il pollo, lo si taglia a pezzetti e lo si fa insaporire in un soffritto di cipolla, sedano, carota, olio, burro e qualche rotella di midollo di bue. Poi si aggiunge il riso e, sempre mescolando, si versa 1 bicchiere di vino bianco secco e si lascia assorbire. Poi si fa cuocere aggiungendo il brodo bollente a piccole quantità per volta. A metà cottura si aggiunge un pugno di funghi secchi fatti rinvenire, oppure freschi e trifolati. Prima che il risotto sia cotto e badando che la consistenza sia alquanto morbida, si aggiunge il parmigiano grattuggiato e una noce di burro.

PROVERBI VENETI A cura di Aldo Francisci

PROVERBI VENETI PROVERBI 129A cura di Aldo Francisci

Aqua passà no masena pìu.

Aqua setenbrina, velen par la cantina.

Aqua turbia no fa specio

Bevi el vin e lassa l’aqua al mulin.

Bon come l’aqua de Lujo.

Chi che ghe fà la barba al musso perde l’aqua e anca el saon.

Co’ canta el galo sola rosà, core l’aqua par la carezà.

Co’l mulin xe senza aqua me toca bévare aqua; co’ l’aqua fà ‘ndare el mulin bevo del bon vin.

El pèrsego col vin, el figo co l’aqua.

El pesse ga da noare tre volte: prima intel’aqua, dopo intel’ojo e la terza ‘ntel vin.

El pesse guasta l’aqua, la carne la conza.

El riso nasse da l’aqua e ‘l ga da morire sol vin.